Hashpower & reward

Spesso si sente dire che i miners seguono la catena più profittevole. Mi è venuta quindi la curiosità di vedere se questa cosa è vera anche fra crypto differenti.

Mi spiego meglio: se minare una crypto (ad esempio Bitcoin) è molto più profittevole che minarne un’altra (ad esempio Ethereum) l’hash power si sposterà da una all’altra? Ovviamente fra una crypto e l’altra c’è il problema che non è possibile riutilizzare lo stesso hardware se gli algoritmi sono differenti, ma se il profitto è molto più elevato probabilmente i miners passeranno alla crypto più profittevole in ogni caso, magari rimpiazzando l’hardware che si deteriora con quello della nuova crypto.

Se questo ragionamento è vero il rapporto fra i soldi guadagnati per blocco e l’hash power di una crypto dovrebbe essere più o meno una costante fra tutte le crypto, o comunque non può essere troppo sbilanciato altrimenti i miners presto o tardi si sposteranno. Per cui ho preso in esame 8 crypto che possono essere minate e sono andato a vedere quanto sono profittevoli da minare.

Siccome gli hash rate non sono direttamente comparabili, visti i diversi algoritmi, ho cercato per ognuna l’hardware più efficiente oggi in commercio per ognuna delle 8 crypto ed ho calcolato l’energia che ci vuole per produrre un hash per quella crypto, dopodiché ho fatto il rapporto guadagno in dollari per ogni megajoule di energia speso in quella crypto. Il risultato è nel grafico.

 

Lascia un commento